Neuroetica. La nuova sfida delle neuroscienze by DI FRANCESCO Michele (a cura di) SIRONI Vittorio A.

By DI FRANCESCO Michele (a cura di) SIRONI Vittorio A.

L. a. neuroetica è l'ultima frontiera delle neuroscienze: un campo d'indagine legato agli attuali progressi delle conoscenze neuropsicobiologiche e al complesso delle loro implicazioni etiche, legali e sociali. Il termine racchiude in sé due significati: da un lato, 'etica delle neuroscienze', cioè l. a. riflessione filosofica che riguarda il trattamento, il potenziamento e los angeles manipolazione del cervello umano; dall'altro, 'neuroscienze dell'etica', vale a dire los angeles possibilità di analizzare come il cervello prende decisioni, qual è los angeles neurobiologia, ossia i fenomeni biologici del sistema nervoso che attengono alla 'credenza' e in cosa consiste il substrato neuronale della rappresentazione dei valori e della fede stessa. Questo è il primo quantity della serie "I nodi della medicina", dedicata ai temi cruciali della medicina di oggi, che si colloca all'interno della collana "Storia della medicina e della sanità" in keeping with sottolineare come l. a. prospettiva storica sia una premessa indispensabile in line with l. a. corretta comprensione delle tematiche dibattute e according to l'esatto inquadramento delle various prospettive di analisi dei problemi. Essa nasce principalmente con l'intento di fornire adeguati strumenti critici di discussione e consistent with consentire un confronto aperto e articolato in una prospettiva interdisciplinare.

Show description

Read Online or Download Neuroetica. La nuova sfida delle neuroscienze PDF

Best italian books

Additional info for Neuroetica. La nuova sfida delle neuroscienze

Sample text

5. Le proteine di soia testurizzate. Sono preparate a partire da farina di soia sgrassata. La farina è mescolata con l’acqua e scaldata sotto pressione. Il composto viene poi seccato e frammentato in granuli o in grossi pezzi. Le proteine di soia testurizzate comportano numerosi vantaggi. Contengono il doppio di proteine della carne bovina, sono poco caloriche e prive di colesterolo. Si conservano a lungo, sono a buon mercato e facili da cucinare. La loro consistenza simile a quella della carne permette di impiegarle nelle stesse preparazioni che prevedono l’utilizzo di proteine animali.

Lo si trova al naturale o aromatizzato, nei negozi di alimentazione biologica o etnica. La sua preparazione casalinga è semplice, economica e può rivelarsi divertente. Si procede lavando la farina di grano dopo averla messa in un sacchetto di tessuto al fine di eliminarne l’amido e conservarne solamente il glutine. Quest’ultimo viene poi bollito in una pentola d’acqua e aromi. Se avete fretta, acquistatelo già pronto, ma approfittate di questo risparmio di tempo per cucinarlo come preferite. Il seitan ha cominciato la sua «carriera» nel contesto del biologico e a uso e consumo dei vegetariani, ma è un alimento che si presta anche per un pubblico più ampio, specie fra coloro che cercano di dimagrire allargando la loro scelta alimentare.

Come per il tempeh, il tenore in carboidrati delle proteine di soia impedisce di consumarle senza limiti: nell’ambito del mio metodo vanno considerate alla stregua degli altri alimenti tollerati. 6. Il latte di soia. È una bevanda priva di lattosio, ricca di proteine vegetali, poco calorica, povera di lipidi, calcio, vitamina D e priva di colesterolo. Può diventare un latte di sostituzione per chi non utilizza il latte vaccino, i vegetariani, gli intolleranti al lattosio, chi non ama il sapore del latte di mucca o deve tenere a bada il colesterolo.

Download PDF sample

Rated 4.61 of 5 – based on 33 votes